Finalità e funzione del Liceo

Nel panorama molto variabile delle innovazioni e sperimentazioni della Scuola italiana, facenti capo alla “riforma dei cicli”, il Liceo “G. Pascoli” si colloca nella realtà fiorentina come espressione viva di una azione educativa in sintonia con la tradizione culturale e di civiltà dell’Italia, arricchita da una sensibilità interculturale e da una visione del mondo più ampia e più articolata.
Il Liceo “G. Pascoli” offre due indirizzi di studio: Linguistico e Pedagogico-sociale. Entrambi gli indirizzi si propongono di garantire allo studente le abilità e le conoscenze necessarie per inserirsi adeguatamente nel mondo della vita, anche in un contesto europeo.
Questi pertanto sono gli obiettivi generali:
1. Promuovere una solida cultura, aperta alla conoscenza di ogni aspetto della realtà, con
attenzione al presente e al passato, nella ricerca di un autentico sviluppo della civiltà;
2. Coordinare i vari aspetti della civiltà umana in modo da acquisire una conoscenza del mondo, della vita, dell’uomo e della società, in funzione della loro maturazione;
3. Abituare gli studenti a rendere prioritari gli ideali di democrazia e di giustizia, per diventare sempre più consapevoli e responsabili sia dei loro diritti che dei loro doveri.
E questo per promuovere una formazione umana, caratterizzata dal reciproco rispetto e da uno spirito collaborativo.
4. Dar vita ad un dialogo educativo che privilegia:
- l’autorevolezza dell’insegnare e la gratificazione dell’apprendere nel riconoscimento e nella libera conquista dei valori della cultura e della vita;
- la ricerca della qualità nel sapere e nei valori morali, nell’attenta considerazione delle reali possibilità di ciascuno;
- la ricerca della chiarezza, della solidità ed essenzialità dei contenuti, e non il loro accumulo.
5. Puntare infine ad una formazione culturale basata sullo spirito critico e capace di inserirsi in un mondo così altamente competitivo.

Il “Liceo G. Pascoli”, situato nel Centro della città di Firenze, sia per quanto riguarda la sede sia per la succursale, specialmente con l’indirizzo linguistico assumerà con la Riforma dei cicli, nell’area classico-umanistica, un ruolo esclusivo e fortemente connotato.
Così come l’indirizzo Pedagogico-sociale, nella continuità ideale dell’ex Istituto Magistrale svilupperà la tipica formazione in relazione all’ambito degli studi universitari propri e alla possibilità di inserimento nel mondo del lavoro.
L’ambiente urbano incide in modo positivo sulle proposte didattico–educative per i seguenti aspetti:
1. storico: civiltà, monumenti, personalità, ecc.
2. culturale: spettacoli, teatri, biblioteche, musei, Università, vari Istituti di Lingue…
3. sociale: diverse opportunità di confronto con altre culture
Inoltre le famiglie che iscrivono i loro figli al Liceo “G. Pascoli” hanno sempre sottolineato le seguenti motivazioni della loro scelta:
- accertata serietà di questo Liceo;
- continuità e coerenza nel perseguire le finalità educative;
- garanzia di una solida preparazione degli alunni in ordine alla formazione culturale e in funzione dell’orientamento universitario e/o professionale.
Tali motivazioni mettono in luce che la dimensione umanistica, caratterizzante i piani di studio del Linguistico e del Pedagogico-sociale, oltre al suo diretto scopo formativo è indispensabile per il confronto con le altre culture europee e per l’utilizzazione ragionata delle nuove tecnologie.